19/03/2018

Efficacia e tollerabilità di Oncofid®P-B nel trattamento di pazienti con carcinoma papillare della vescica primario o recidivante

L’eccellenza della ricerca farmaceutica italiana al 33° Congresso della European Association of Urology

Copenaghen, 19 marzo 2018 – Fidia Pharma Group ha annunciato i risultati positivi emersi dallo studio di fase II che ha valutato l’attività antitumorale di Oncofid®P-B, farmaco innovativo ottenuto dalla bio-coniugazione di paclitaxel con acido ialuronico in pazienti affetti da carcinoma papillare della vescica primario o recidivante. Lo studio ha dimostrato che Oncofid®P-B, somministrato in 6 instillazioni intravescicali settimanali di 600mg, ha ottenuto un tasso di risposta completa (CR) nel 45,0% dei pazienti, con un’eccellente tollerabilità e profilo di sicurezza. Un più alto tasso di CR (57,1%) è stato registrato nei pazienti non precedentemente trattati con chemioterapia o immunoterapia.

Solo un evento avverso su un paziente (infezione del tratto urinario) è stato considerato correlato al trattamento e risolto in 5 giorni con terapia antibiotica. Nessun paziente ha dovuto sospendere il trattamento per la comparsa o la gravità di eventi avversi.

Il carcinoma della vescica è il 5° tumore nel mondo occidentale per incidenza, il 2° tra i tumori dell’apparato urinario dopo il carcinoma della prostata . Si manifesta nella forma “muscolo-invasiva” nel 15-25% dei casi, mentre il rimanente 75-85% è rappresentato dalla forma non muscolo-invasiva (NMIBC) , che si presenta in prevalenza come tumore papillare.
Lo standard di trattamento per il carcinoma papillare della vescica è la resezione del tumore vescicale per via endoscopica transuretrale (TURBT) eseguita in anestesia spinale o generale, seguita da instillazioni intravescicali con farmaci chemioterapici, quali mitomicina C, o immunoterapici, come il bacillo di Calmette-Guérin (BCG) , per la prevenzione delle recidive che si manifestano con un tasso di frequenza del 30-60%, e che richiedono un monitoraggio del paziente per almeno 5 anni . Per questi motivi il tumore vescicale è uno dei più costosi da trattare, con un impatto sulla spesa sanitaria nazionale del 7%5.
 

I risultati sono stati presentati dal Prof. PierFrancesco Bassi (Fondazione Policlinico A. Gemelli, Università cattolica del Sacro Cuore di Roma)

Negli ultimi 15 anni non sono stati registrati nuovi trattamenti per il carcinoma papillare della vescica primario o recidivante

Oncofid®P-B è frutto dell’attività di ricerca sviluppata all’interno dei laboratori della multinazionale italiana Fidia Farmaceutici, che ne detiene il brevetto

Health
Products
Website

Scopri tutti i prodotti Fidia e come utilizzarli:
Vai al sito



FARMACOVIGILANZA


Fidia Farmaceutici offre un modulo dedicato alla Farmacovigilanza per la segnalazione tempestiva di eventuali effetti indesiderati. Se sospetti di aver avuto effetti indesiderati durante l'assunzione di uno dei nostri prodotti o ne hai riscontrato dei difetti
CLICCA QUI

Aree Strategiche

L'impegno costante di Fidia è nella ricerca e sviluppo di nuove opportunità, con nuovi prodotti e piattaforme tecnologiche che consolidano la leadership dell'Azienda in aree terapeutiche quali

- la salute articolare
- l'oftalmologia
- la riparazione tissutale
- la dermatologia
- la pediatria
- la neurologia
- la dermo-estetica